Home > Antologia, Italiano > A finestra – Carmen Consoli – Dialetto e civiltà

A finestra – Carmen Consoli – Dialetto e civiltà

Sugnu sempri alla finestra e viru a ranni civiltà ca ha statu, unni Turchi, Ebrei e Cristiani si stringeunu la manu
Tannu si pinsava ca “La diversità è ricchizza”, tempi di biddizza e di puisia, d’amuri e di saggezza
Zoccu ha statu aieri, oggi forsi ca putissi riturnari si truvamu semi boni di chiantari
‘Nta sta terra ‘i focu e mari oggi sentu ca mi parra u cori e dici ca li cosi stannu pì canciari

Sono sempre alla finestra e vedo la grande civiltà che è stata, dove Turchi, Ebrei, e Cristiani si stringevano la mano.
Allora si pensava che la diversità è ricchezza, tempi di bellezza e di poesia, d’amore e di saggezza.
Quel che è stato ieri oggi forse potrebbe ritornare solo se troviamo semi buoni da piantare.
In questa terra di fuoco e mare oggi sento che mi parla il cuore e dice che le cose stanno per cambiare.

Annunci
Categorie:Antologia, Italiano
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: